RSS

101 – La gestione dell’ENTE di BONIFICA – nella giornata del 18 novembre 2013 – è stata corretta?

21 Nov

La tragedia provocata in Sardegna, dall’alluvione del 18 novembre, ha messo a nudo, per l’ennesima volta, l’inadeguatezza del sistema burocratico dello Stato italiano, controllato dalla politica più bieca, di stampo clientelare e parassitario.

Infatti, i risultati delle scelte – opinabili – adottate dall’Ente di Bonifica e dalla successiva catena di comando, per la [mala]gestione della diga – Petru’e Ottoni – sul fiume Cedrino e della diga di – Torpè –  meritano un’indagine approfondita da parte della magistratura, visti i disastri arrecati alla popolazione e al territorio.

Difatti, la diga sul fiume Cedrino, con una capacità di oltre 50 milioni di MC d’acqua e una quota di sicurezza a metri 103, in quanto a quota mt104 è presente la sorgente “Sa Vena” (che rifornisce i paesi di Oliena e Dorgali), necessita di un monitoraggio costante nei mesi invernali, per non contaminare gli acquedotti dei suddetti paesi, quando l’acqua raggiunge la quota di mt107.

Diga di Preda'e Othoni (sul fiume Cedrino)Avere un ruolo così delicato presuppone sia competenza che responsabilità, oltre alla capacità di saper trovare soluzioni con il variare delle condizioni meteorologiche, non limitandosi ad “aprire e chiudere” un rubinetto (gigante).

Altre volte l’Ente di Bonifica aveva mostrato tutti i suoi limiti, ma nella giornata del 18 novembre si è capito che il problema è più grave di quello che sembrava, viste le tardive reazioni all’allerta meteo, e la conseguente salita del livello d’acqua della diga a quota mt 110.

E’ vero che la pioggia è stata di carattere eccezionale per intensità, ma aver tergiversato e messo in allerta la Prefettura, solo quando il problema era diventato ingestibile, dimostra che non si possono trovare [competenza e responsabilità] in personale nominato dalla politica.

Per quanto riguarda la diga sul Cedrino, ci saremmo aspettati da parte dell’Ente di Bonifica, sicuramente un preallarme da notificare, anche il giorno prima, ai comuni interessati: di Galtellì, Loculi, Irgoli, Onifai e soprattutto quello di Orosei, specie per verificare le condizioni della foce del fiume, vista l’allerta meteo prevista da qualche giorno.

Infatti, l’improvvisa apertura della diga, notificata mezz’ora prima dell’arrivo della piena, ha messo troppo a rischio delle vite umane e provocato danni ingenti in alcune zone.

Apertura della diga di Preda'e Othoni (sul fiume Cedrino)

Peggiore è il caso della diga di Torpè, visto che i gestori sono stati capaci – addirittura – di far tracimare la diga e provocare così danni incalcolabili e sopratutto morti.

Alluvione Sardegna:sindaco Torpè,sta rientrando allarme diga

Non dobbiamo – però – dimenticarci gli altri attori non protagonisti della tragedia annuniciata, in quanto chi ha vietato il la pulizia degli alvei nei mesi estivi, dal legname accumulato o cresciuto nei periodi di secca, a parte della responsabilità, specie se si è pensato di proteggere l’habitat di alcuni animali, e non quello degli umani.

legname sul fiume Cedrino

Non basta l’alibi dell’evento eccezionale, la mancata pulizia degli alvei dei fiumi e la tardiva apertura della foce del fiume Cedrino, ostacolata dall’alta marea e dal mare molto mosso: qualcuno a monte ha sbagliato.

Un’indagine accurata è obbligatoria, visti i morti e i gravi danni al territorio, non possiamo continuare a piangere perché si è creata una scellerata burocrazia invasiva e inefficiente, vista la presenza di responsabili di dubbia competenza e da avidi professionisti della politica e non solo…

E’ tempo che qualcuno paghi per i suoi sbagli!

Annunci
 
1 Commento

Pubblicato da su 21 novembre 2013 in Uncategorized

 

Tag: , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Una risposta a “101 – La gestione dell’ENTE di BONIFICA – nella giornata del 18 novembre 2013 – è stata corretta?

  1. brillantinamilano

    22 novembre 2013 at 21:44

    L’ha ribloggato su Emergenza Sardegna.

     

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: